Avvocati Online Network

Professione e Concorsi

Notai: concorso per trasferimento notai in esercizio

Rate this post

Avviso 31 maggio 2010 – Concorso per titoli per trasferimento dei notai in esercizio pubblicato nel B.U. n. 10 del 31 maggio 2010
Dipartimento per gli Affari di Giustizia
Direzione Generale della Giustizia Civile
Ufficio III – Reparto Notariato

CONCORSO PER TITOLI PER TRASFERIMENTO DEI NOTAI IN ESERCIZIO
Ai sensi degli articoli. 1 e 9 della legge 30 aprile 1976, n. 197, sono messi a concorso i seguenti posti notarili
1.     DISTRETTI NOTARILI RIUNITI DI ALESSANDRIA, ACQUI TERME E TORTONA – TOT. 3

1.         Alessandria (2 posti)

2.         Tortona

2.     DISTRETTO NOTARILE DI ANCONA – TOT. 2

1.         Fabriano

2.         Falconara Marittima

3.     DISTRETTO NOTARILE DI AOSTA – TOT. 1

1.         Morgex

4.     DISTRETTO NOTARILE DI AREZZO – TOT. 1

1.         Arezzo

5.     DISTRETTI NOTARILI RIUNITI DI ASCOLI PICENO E FERMO – TOT. 1

1.         Sant’Elpidio a Mare

6.     DISTRETTO NOTARILE DI BARI – TOT. 4

1.         Bari

2.         Castellana Grotte

3.         Gioia del Colle

4.         Rutigliano

7.     DISTRETTO NOTARILE DI BELLUNO – TOT. 1

1.         Agordo

8.     DISTRETTI NOTARILI RIUNITI DI BENEVENTO E ARIANO IRPINO – TOT. 1

1.         San Giorgio Del Sannio

9.     DISTRETTO NOTARILE DI BERGAMO – TOT. 4

1.         Bergamo (3 posti)

2.         Clusone

10.     DISTRETTO NOTARILE DI BOLZANO – TOT. 1

1.         Bressanone

11.     DISTRETTO NOTARILE DI BRESCIA – TOT. 7

1.         Brescia (3 posti)

2.         Bedizzole

3.         Darfo Boario Terme

4.         Gambara

5.         Lumezzane

12.     DISTRETTO NOTARILE DI BRINDISI – TOT. 2

1.         Cisternino

2.         San Pietro Vernotico

13.     DISTRETTI NOTARILI RIUNITI DI CAGLIARI, LANUSEI E ORISTANO – TOT. 2

1.         Iglesias

2.         Teulada

14.     DISTRETTO NOTARILE DI CALTAGIRONE – TOT. 1

1.         Niscemi

15.     DISTRETTI NOTARILI RIUNITI DI CALTANISSETTA E GELA – TOT. 1

1.         Gela

16.     DISTRETTI NOTARILI RIUNITI DI CAMPOBASSO, ISERNIA E LARINO – TOT. 2

1.         Castelmauro

2.         Frosolone

17.     DISTRETTO NOTARILE DI CASSINO – TOT. 1

1.         Alvito

18.     DISTRETTO NOTARILE DI CATANIA – TOT. 4

1.         Catania (2 posti)

2.         Adrano

3.         Paternò

19.     DISTRETTI NOTARILI RIUNITI DI CATANZARO, CROTONE, LAMEZIA TERME E VIBO VALENTIA – TOT. 3

1.         Catanzaro

2.         Crotone

3.         Lamezia Terme

20.     DISTRETTI NOTARILI RIUNITI DI CHIETI, LANCIANO E VASTO – TOT. 4

1.         Bucchianico

2.         Ortona

3.         San Salvo

4.         San Vito Chietino

21.     DISTRETTI NOTARILI RIUNITI DI COMO E LECCO – TOT. 4

1.         Como

2.         Lecco

3.         Merate (2 posti)

22.     DISTRETTI NOTARILI RIUNITI DI COSENZA, ROSSANO, CASTROVILLARI E PAOLA – TOT. 3

1.         Cetraro

2.         Rogliano

3.         Spezzano Albanese

23.     DISTRETTI NOTARILI RIUNITI DI CREMONA E CREMA – TOT. 2

1.         Pescarolo ed Uniti

2.         Pizzighettone

24.     DISTRETTI NOTARILI RIUNITI DI CUNEO, ALBA MONDOVI’ E SALUZZO – TOT. 4

1.         Bra

2.         Fossano

3.         Moretta

4.         Sommariva del Bosco

25.     DISTRETTI NOTARILI RIUNITI DI ENNA E NICOSIA – TOT. 2

1.         Enna

2.         Agira

26.     DISTRETTO NOTARILE DI FERRARA – TOT. 3

1.         Ferrara (3 posti)

27.     DISTRETTI NOTARILI RIUNITI DI FIRENZE, PISTOIA E PRATO – TOT. 9

1.         Firenze (2 posti)

2.         Borgo San Lorenzo

3.         Montecatini Terme

4.         Pistoia

5.         San Marcello Pistoiese

6.         Serravalle Pistoiese

7.         Sesto Fiorentino

8.         Vernio

28.     DISTRETTI NOTARILI RIUNITI DI FOGGIA E LUCERA – TOT. 4

1.         Cerignola

2.         Lucera (3 posti)

29.     DISTRETTI NOTARILI RIUNITI DI FORLI’ E RIMINI – TOT. 4

1.         Cattolica

2.         Cesena

3.         Rimini

4.         Sogliano al Rubicone

30.     DISTRETTO NOTARILE DI FROSINONE – TOT. 1

1.         Alatri

31.     DISTRETTI NOTARILI RIUNITI DI GENOVA E CHIAVARI – TOT. 4

1.         Genova (2 posti)

2.         Lavagna

3.         Torriglia

32.     DISTRETTO NOTARILE DI GORIZIA – TOT. 1

1.         Gorizia

33.     DISTRETTO NOTARILE DI GROSSETO – TOT. 5

1.         Grosseto

2.         Arcidosso

3.         Gavorrano

4.         Pitigliano

5.         Scansano

34.     DISTRETTO NOTARILE DI IVREA – TOT. 1

1.         Strambino

35.     DISTRETTI NOTARILI RIUNITI DI L’AQUILA, SULMONA E AVEZZANO – TOT. 4

1.         L’Aquila (2 posti)

2.         Pizzoli

3.         Tagliacozzo

36.     DISTRETTO NOTARILE DI LATINA – TOT. 1

1.         Minturno

37.     DISTRETTO NOTARILE DI LECCE – TOT. 1

1.         Lecce

38.     DISTRETTO NOTARILE DI MANTOVA – TOT. 3

1.         Asola

2.         Bozzolo

3.         Roncoferraro

39.     DISTRETTI NOTARILI RIUNITI DI MESSINA, BARCELLONA POZZO DI GOTTO, PATTI E MISTRETTA – TOT. 3

1.         Messina

2.         Patti

3.         Spadafora

40.     DISTRETTI NOTARILI RIUNITI DI MILANO, BUSTO ARSIZIO, LODI, MONZA E VARESE – TOT. 4

1.         Milano (2 posti)

2.         Nerviano

3.         Varese

41.     DISTRETTO NOTARILE DI MODENA – TOT. 3

1.         Modena

2.         Carpi

3.         Pievepelago

42.     DISTRETTI NOTARILI RIUNITI DI NAPOLI, TORRE ANNUNZIATA E NOLA – TOT. 3

1.         Napoli (2 posti)

2.         Acerra

43.     DISTRETTI NOTARILI RIUNITI DI NOVARA, VERCELLI E CASALE MONFERRATO – TOT. 9

1.         Novara

2.         Bellinzago Novarese

3.         Castelletto Sopra Ticino

4.         Crescentino

5.         Gattinara

6.         Oleggio

7.         Santhià

8.         Trecate

9.         Vercelli

44.     DISTRETTO DI PADOVA – TOT. 2

1.         Padova (2 posti)

45.     DISTRETTO NOTARILE DI PALERMO – TOT. 3

1.         Palermo

2.         Bagheria

3.         Ciminna

46.     DISTRETTO NOTARILE DI PARMA – TOT. 2

1.         Fontanellato

2.         Salsomaggiore

47.     DISTRETTI NOTARILI RIUNITI DI PAVIA, VIGEVANO E VOGHERA – TOT. 3

1.         Candia Lomellina

2.         Godiasco

3.         Varzi

48.     DISTRETTO NOTARILE DI PERUGIA – TOT. 3

1.         Perugia (2 posti)

2.         Passignano sul Trasimeno

49.     DISTRETTI NOTARILI RIUNITI DI PESARO E URBINO – TOT. 1

1.         Pesaro

50.     DISTRETTO NOTARILE DI PIACENZA – TOT. 4

1.         Lugagnano Val d’Arda (2 posti)

2.         Ponte dell’Olio (2 posti)

51.     DISTRETTO NOTARILE DI PORDENONE – TOT. 4

1.         Pordenone (3 posti)

2.         San Vito al Tagliamento

52.     DISTRETTI NOTARILI RIUNITI  DI POTENZA, LAGONEGRO E MELFI – TOT. 3

1.         Lagonegro

2.         Palazzo San Gervasio

3.         Viggiano

53.     DISTRETTO NOTARILE DI RAVENNA – TOT. 5

1.         Ravenna (2 posti)

2.         Bagnacavallo

3.         Faenza (2 posti)

54.     DISTRETTI NOTARILI RIUNITI DI REGGIO CALABRIA E LOCRI – TOT. 7

1.         Locri (2 posti)

2.         Bianco

3.         Bovalino

4.         Brancaleone

5.         Montebello Ionico

55.     DISTRETTI NOTARILI RIUNITI DI ROMA, VELLETRI E CIVITAVECCHIA – TOT. 4

1.         Roma (4 posti)

56.     DISTRETTO NOTARILE DI ROVIGO – TOT. 1

1.         Rovigo

57.     DISTRETTI NOTARILI RIUNITI DI SALERNO, NOCERA INFERIORE; VALLO DELLA LUCANIA E SALA CONSILINA – TOT. 2

1.         Cava Dè Tirreni

2.         Montesano sulla Marcellana

58.     DISTRETTO NOTARILE DI SANTA MARIA CAPUA VETERE – TOT. 4

1.         Sessa Aurunca (2 posti)

2.         Alife

3.         Marcianise

59.     DISTRETTO NOTARILE DI SAVONA – TOT. 2

1.         Savona

2.         Spotorno

60.     DISTRETTI NOTARILI RIUNITI DI SIENA E MONTEPULCIANO – TOT. 5

1.         Asciano

2.         Castelnuovo Berardenga

3.         Chianciano Terme

4.         Poggibonsi

5.         San Gimignano

61.     DISTRETTO NOTARILE DI SIRACUSA – TOT. 3

1.         Francofonte

2.         Noto

3.         Pachino

62.     DISTRETTO NOTARILE DI SONDRIO -TOT. 2

1.         Ardenno

2.         Teglio

63.     DISTRETTI NOTARILI RIUNITI DI SPEZIA E MASSA – TOT. 4

1.         Carrara (2 posti)

2.         Sarzana

3.         Vezzano Ligure

64.     DISTRETTO NOTARILE DI TARANTO – TOT. 2

1.         Taranto

2.         Manduria (2 posti)

65.     DISTRETTI NOTARILI RIUNITI DI TERAMO E PESCARA – TOT. 3

1.         Atri

2.         Penne

3.         Pianella

66.     DISTRETTO NOTARILE DI TERMINI IMERESE – TOT. 1

1.         Termini Imerese

67.     DISTRETTI NOTARILI RIUNITI DI TERNI,ORVIETO E SPOLETO – TOT. 1

1.         Narni

68.     DISTRETTI NOTARILI RIUNITI DI TORINO E PINEROLO – TOT. 15

1.         Torino (13 posti)

2.         Pinerolo

3.         Vigone

69.     DISTRETTO NOTARILE DI TRANI – TOT. 2

1.         Minervino Murge

2.         Terlizzi

70.     DISTRETTI NOTARILI RIUNITI DI TRAPANI E MARSALA – TOT. 1

1.         Castelvetrano

71.     DISTRETTO NOTARILE DI TRIESTE – TOT.1

1.         Trieste

72.     DISTRETTI NOTARILI RIUNITI DI UDINE E TOLMEZZO – TOT. 1

1.         Udine

73.     DISTRETTO NOTARILE DI VENEZIA – TOT. 2

1.         Chioggia

2.         Jesolo

74.     DISTRETTO NOTARILE DI VERBANIA – TOT. 2

1.         Domodossola

2.         Invorio

75.     DISTRETTI NOTARILI RIUNITI DI VICENZA E BASSANO DEL GRAPPA – TOT. 2

1.         Vicenza

2.         Bassano del Grappa

76.     DISTRETTI NOTARILI RIUNITI DI VITERBO E RIETI – TOT. 2

1.         Viterbo

2.         Leonessa

TOTALE GENERALE DEI POSTI MESSI A CONCORSO – TOT. 223

Gli aspiranti, notai in esercizio o notai riammessi all’esercizio professionale ai sensi dell’articolo 33 della legge notarile e della legge 18 febbraio 1983, n. 45, devono trasmettere o presentare al Ministero della Giustizia – Ufficio III della Direzione Generale della Giustizia Civile, Via Arenula, 70 – 00186 ROMA, entro trenta giorni dalla data di pubblicazione del presente bollettino, domanda redatta in bollo, con dichiarazione inserita nella stessa o in atto separato dell’ordine di preferenza delle sedi richieste, contenente l’elenco dei documenti di cui appresso:

1.     quietanza comprovante il versamento presso un archivio notarile distrettuale della tassa di Euro 2,58;

2.     documentazione in bollo relativa agli eventuali titoli (legge 30 aprile 1976, n. 197) con specificazione della durata e della qualità delle funzioni cui essi si riferiscono.

Le eventuali pubblicazioni, invece, dovranno essere specificate con l’indicazione del titolo dell’opera, della denominazione dell’editore o del periodico e della relativa data.

Un esemplare delle pubblicazioni dovrà essere trasmesso all’Ufficio III -notariato della Direzione Generale della Giustizia Civile, unitamente alla domanda di concorso, mentre un altro esemplare delle stesse pubblicazioni dovrà essere inviato a ciascun componente notaio e precisamente:

Dott. ssa Serena CAIMMI Via Stefano Boccapaduli n. 50 00151 – ROMA

Dott. Giovanni CHERCHI Via Azuni, 2 09124 – CAGLIARI

Le pubblicazioni stesse saranno ricevute in visione e potranno essere ritirate dagli interessati entro tre mesi dall’espletamento del concorso, non occorre ritrasmettere le pubblicazioni già valutate in sede di precedenti concorsi per trasferimento.

I criteri per la valutazione dei titoli sono quelli stabiliti dall’art. 3 della Legge 30 aprile 1976 n. 197, tenuto, altresì conto delle specifiche interpretazioni fornite al riguardo dalla Commissione esaminatrice prevista dall’articolo 7 della legge 30 aprile 1976, n.197, di cui agli estratti dei verbali di seguito indicati.

Estratto dal verbale del 5 settembre 1990 (pubblicato nel Bollettino Ufficiale n. 18 del 30 settembre 1990).

(omissis)

“La Commissione, esaminati i criteri di massima finora applicati, decide di disciplinare meglio i criteri di attribuzione del punteggio relativi all’insegnamento sia nelle scuole di notariato riconosciute che nelle università o negli istituti superiori assimilati, stabilendo che per le scuole di notariato deve essere compresa l’attività di insegnamento teorico pratico, svolta in numero non inferiore a quindici lezioni per ciascun anno accademico, e per le università o gli istituti superiori assimilati, il periodo di insegnamento non è cumulabile con quello svolto in contemporanea presso le scuole di notariato”.

Estratto dal verbale del 9 ottobre 1992 (pubblicato nel Bollettino Ufficiale n. 21 del 15 novembre 1992).

(omissis)

“La Commissione conferma tutti i criteri di massima stabiliti per la valutazione di ogni singolo aspirante al trasferimento di sede, con eccezione per quanto riguarda la dimostrazione dell’attività forense svolta, stabilendo che l’esercizio effettivo della professione di procuratore legale deve essere provato esibendo uno o più certificati o documenti dai quali risulti l’indicazione delle cause o degli affari trattati.

Riguardo poi al quesito proposto dal direttore della scuola di notariato di Perugia, circa l’attribuzione del punteggio per l’insegnamento, la Commissione ritiene che un’ora di lezione svolta dal notaio-docente equivalga ad una lezione”.

Estratto dal verbale del 27 ottobre 1992 (pubblicato nel Bollettino Ufficiale n. 21 del 15 novembre 1992).

(omissis)

“La Commissione prende in esame più approfonditamente l’art. 3, punto 6, della legge 197/76, stabilendo che l’insegnamento, per almeno un biennio, di materie giuridiche, economiche e finanziarie nelle università o negli istituti superiori assimilati, va considerato con riferimento alle categorie di docenti di cui all’art. 12 della legge 19 novembre 1990, n. 341”.

Estratto dal verbale del 4 ottobre 1995 (pubblicato nel Bollettino Ufficiale n. 18 del 30 settembre 1995).

(omissis)

“La Commissione prende di nuovo in esame l’art. 3, punto 6, della legge 197/76, con riferimento alla figura del cultore della materia e dell’insegnante incaricato con contratto, stabilendo che anche per dette figure di insegnanti possa essere valutato il titolo previsto dalla citata norma, purché venga data analitica e circostanziata dimostrazione dello svolgimento dell’effettiva attività di insegnamento svolta in numero non inferiore a 15 lezioni per ciascun anno accademico, in analogia a quanto già previsto per i criteri di attribuzione del punteggio relativo all’insegnamento nelle scuole di notariato (estratto dal verbale del 5 settembre 1990, pubblicato nel Bollettino Ufficiale n. 18 del 30 settembre 1990).

Nel computo delle lezioni non può essere tenuto conto della partecipazione alle commissioni di esame.

Il relativo certificato deve recare la firma del professore, la conferma del preside e il timbro della facoltà”.

Estratto dal verbale del 15 ottobre 1998 (pubblicato nel Bollettino Ufficiale n. 2 del 30 gennaio 1999).

(omissis)

“La Commissione, nel prendere in esame i criteri di massima stabiliti per la valutazione di ogni singolo aspirante al trasferimento di sede, ha ritenuto più aderente al testo normativo una esposizione del criterio che riporti gli stessi termini espressi dal n. 8 dell’art. 3, della legge 30 aprile 1976, n. 197 e, pertanto, ha stabilito che il criterio di massima previsto dall’attuale n. 8 (pubblicazioni) sia del seguente tenore: “le pubblicazioni in materia di notariato o di altre discipline giuridiche, economiche e finanziarie, sono valutabili sino a due punti a giudizio motivato della Commissione; l’eventuale cumulo con i punti di cui ai numeri 5), 6) e 7) non può eccedere il massimo di quattro punti.

Si precisa che la variazione tiene conto anche della mutata rilevanza di temi economici e giuridici che affiancano, con eguale importanza, la materia del notariato.

Su proposta dei notai Ruggiero e Perchinunno la Commissione, all’unanimità, ha deliberato di inserire quale criterio di valutazione per le pubblicazioni quello della rilevanza scientifica o professionale”.

Estratto dal verbale del 23 febbraio 1999 (pubblicato nel Bollettino Ufficiale n. 10 del 31 maggio 1999 e n. 2 del 31 gennaio 2001).

(omissis)

“La Commissione, in ordine alla rivalutazione dei criteri di attribuzione del punteggio relativo all’insegnamento nelle scuole di notariato di cui al n. 5 della legge 30 aprile1976, n. 197, ha ritenuto possa considerarsi che ad ogni ora accademica di insegnamento, corrisponda una lezione e che possano computarsi le lezioni tenute, anche in contemporanea, con il titolare o con altri docenti”.

Estratto dal verbale del 7 ottobre 2003 (pubblicato nel Bollettino Ufficiale n. 2 del 31 gennaio 2004).

(omissis)

“A giudizio della Commissione, un vincitore di concorso, unico partecipante, deve ritenersi ammesso al concorso per trasferimento, purché risulti iscritto a ruolo alla data di scadenza della domanda di partecipazione”.

Estratto dai verbali del 17 giugno e del 27 Luglio 2004  (pubblicati nel Bollettino Ufficiale n. 18 del 30 settembre 2004).

(omissis)

“L’esercizio effettivo, per almeno un anno, della professione di avvocato e/o di procuratore legale deve essere comprovato mediante documentazione dalla quale risulti l’indicazione dell’attività svolta e delle cause o degli affari trattati, costituita da certificazione rilasciata dalle Cancellerie giudiziarie e/o dai Consigli dell’Ordine degli Avvocati ovvero, in via subordinata, da dichiarazioni sostitutive rese dagli stessi notai concorrenti ai sensi del Capo III, Sezione V (art. 46 e seguenti) del D.P.R. 28.12 2000, n. 445 (Testo unico delle disposizioni legislative e regolamentari in materia di documentazione amministrativa)”.

Le dichiarazioni sostitutive, di cui sopra è cenno, dovranno essere fatte utilizzando il seguente schema (formato pdf, 30 Kb).

Most Popular

To Top